Tu sei qui

Biblioteca scolastica multimediale

“Uno, nessuno e….centomila maschere” al Principe Umberto (a.s. 2016/2017)

Il teatro va in scena al Principe Umberto con “Uno, nessuno e….centomila maschere” in omaggio al nostro Pirandello.Massimo Giustolisi e Giuseppe Bisicchia, esperti esterni e registi, hanno magistralmente guidato gli alunni, giovani attori del nostro liceo, in un piacevole viaggio attraverso stralci di scene delle più significative opere pirandelliane: Il berretto a sonagliDiana e la TudaI giganti della montagna , Così è se vi pare, La ragione degli altri, La Giara, con l’iniziale parte corale tratta dal “Glauco” di Morselli nella traduzione in dialetto siciliano di Pirandello. Lo spettacolo del 7 giugno scorso è il risultato di una sperimentazione laboratoriale all’interno del progetto “Biblioteca scolastica multimediale”, già da qualche anno curato dalle referenti professoresse Messineo, Pometti e Turco V. “Il teatro è la possibilità di vivere tante vite” recitava Luigi Pirandello e tra un testo e l’altro, con intermezzi recitati e citazioni di opere pirandelliane, gli esercizi teatrali avvicinano i giovani studenti all’esperienza del palcoscenico, luogo privilegiato di socializzazione e relazione con l’altro e con se stessi. “Uno spettacolo- commenta la professoressa Pometti- pieno di emozioni. Un grazie ai nostri studenti che con la loro giovinezza “di allegrezza piena” alimentano la fiaccola della nostra passione per la letteratura e per l’insegnamento”.

                                                                                                              Daniela Longo

                                                                                                              Marina Romano

 

"Biblioterapia" all' IPM Bicocca di Catania (a.s. 2016/2017)

Le Docenti e gli studenti del Progetto "Biblioteca Scolastica Multimediale" incontrano i giovani detenuti dell'IPM Bicocca di Catania: un incontro denso di emozioni e di significati che ha lasciato un segno indelebile in tutti i partecipanti.

Link all'articolo giornalistico

 

Erasmus pluslogo EsaBac